Gli “ignobili” premi Ig Nobel 2012

In attesa di sapere chi sarà il vincitore dei famosi premi Nobel, evento che si terrà il 9 ottobre prossimo, anche quest’anno si sono dati appuntamento nell’ Aula Magna dell’università di Harvard, Massachusetts, U.S.A., gli scienziati, dotati di particolare “sense of humor”, candidati a ricevere i premi Ig Nobel 2012. Questi ambiti riconoscimenti accademici vengono attribuiti ai ricercatori e agli studenti che abbiano pubblicato su riviste scientifiche studi che “prima fanno ridere e poi pensare”. (Vedi anche un mio articolo sulla premiazione del 2011 pubblicato sul quotidiano on-line New Notizie http://www.newnotizie.it/2011/10/premi-ig-nobel-2011-prima-ridi-poi-pensi/)

L’evento è organizzato dalla rivista “Annals of Improbable Research”, nato con lo scopo di rendere la ricerca scientifica e la scienza meno autoreferenziale, di portarla fuori dalle mura chiuse e seriose dei congressi specialistici, ed è giunto ormai alla sua 22esima edizione. Seppure il premio Ig Nobel sia un pretesto per scherzare su argomenti di solito considerati off limits ai comuni mortali, durante il quale viene dato un riconoscimento alle ricerche che appaiono più assurde e strampalate, vale la pena di ricordare che il vincitore dell’ Ig Nobel per la fisica nel 2000, Andrey Geym, dopo dieci anni ha vinto il vero premio Nobel.

L’ultimo studio italiano ad accaparrarsi questo strampalato riconoscimento era stato presentato nel 2010 nella categoria Management e fu consegnato ad un team dell’ università di Catania che aveva pubblicato sulla rivista Physica una ricerca riguardante l’assegnazione non meritocratica delle promozioni. Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda e Cesare Garofalo analizzarono la realizzazione pratica di uno dei paradossi più conosciuti, postulato dallo psicologo canadese Laurence J. Peter: “In un’organizzazione ogni nuovo membro sale nella gerarchia fino a raggiungere il suo livello di massima incompetenza”.

Anche quest’ anno è stato possibile seguire la premiazione in diretta web il 20 settembre scorso, e tra gli studi premiati non sono mancati quelli particolarmente interessanti per le possibili applicazioni pratiche. La cerimonia, anche se in inglese, merita di essere vista, soprattutto se siete un po’ tristi e melanconici (è scientificamente provato che la risata è un potente antidepressivo).

Facciamo un riepilogo veloce degli studiosi e dei relativi lavori vincenti nelle varie categorie. Buon divertimento!

Fisica. Joseph Keller e Raymond Goldstein, USA e UK, Patrick Warren e Robin Ball, UK, hanno calcolato il bilanciamento delle forze che danno forma e movimento alla coda di cavallo, studio che è stato realmente commissionato da un marchio di cosmetici e pubblicato dal Journal of Applied Mathematics.

Psicologia.Anita Eerland, Rolf Zwaa, Paesi Bassi, e Tulio Guadalupe, Peruviano ormai residente in Olanda, che ha ritirato il premio, hanno presentato uno studio che mira a dimostrare come il cervello umano segua una linea mentale immaginaria che prevede a sinistra i numeri più bassi e a destra i valori più alti. Nel loro lavoro sono stati monitorati gli effetti su 33 volontari i quali, messi su una Wii Balance Board inclinata prima da un lato, poi dall’altro, hanno dichiarato che la torre era più bassa quando inclinati verso sinistra.

Pace. L’ azienda russa SKN Company ha convertito antiche munizioni sovietiche in diamanti, falsi.

Acustica. Kazutaka Kurihara e Koji Tsukada, Giappone, hanno vinto con una ricerca davvero interessante. I due hanno inventato una macchina per zittire spacconi e logorroici. Nella tecnica da loro messa a punto un dispositivo registra voce che si vuole far tacere e la fa risentire ritardata di qualche secondo. L’effetto eco disturba il relatore a tal punto da farlo smettere.

Neuroscienze. Craig Bennet, Abigail Baird, Michael Miller, e George Wolford, USA, hanno studiato l’attività cerebrale dei salmoni morti, utilizzando la risonanza magnetica funzionale.

Chimica. Johan Pettersson, Svezia, è stato premiato per una ricerca che ha provocato particolare ilarità. La domanda alla quale ha tentato i rispondere è stata perché in certe case della cittadina di Anderslöv, gli abitanti avessero improvvisamente sviluppato capelli verdi (il particolare ameno è stato che lo stesso ricercatore si è presentato alla cerimonia con la barba verde).

Letteratura. Il General Accountability Office del governo statunitense ha ricevuto l’Ig Nobel per il sarcastico “rapporto sui rapporti sui rapporti, che raccomanda di preparare un rapporto sul rapporto sui rapporti sui rapporti”.

Fluidodinamica. Rouslan Krechetnikov e Hans Mayer, USA, hanno studiato la dinamica dei fluidi applicata al caffè all’interno di un contenitore tenuto in mano da una persona che cammina, arrivando a sostenere che il liquido esce dalla tazza se i passi non sono regolari.

Anatomia. Frans de Waal e Jennifer Pokorny, Paesi Bassi USA, per la scoperta che uno scimpanzé riesce a identificare individualmente altri scimpanzé dalla fotografia dei loro sederi.

Medicina. Emmanuel Ben-Soussane Michel Antonietti, Francia, hanno studiato il modo migliore per informare i medici che praticano colonscopie su come minimizzare il rischio che i propri pazienti esplodano.

Per una lista completa con riferimenti precisi degli studi che hanno ricevuto il premio Ig Nobel 2012, e per informazioni dettagliate sulla manifestazione stessa visitate il sito (in inglese) http://www.improbable.com/ig/ .

Alice Ughi 

Un’ immagine della premiazione dal sito wakeupnews.eu

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...